Ciao! Oggi camminiamo un po’ 🙂  San Rocco -Punta Chiappa un percorso a piedi facile adatto a tutti. Lo possiamo considerare un trekking leggero 🙂

Appena usciti dalla stazione del treno scendete lungo via Nicolò da Cuneo sino ad arrivare nei pressi della Caserma dei Carabinieri. Qui potete proseguire fiancheggiando il Rio Gentile. Qui di solito riposano e fanno il bagno anatre e papere. Preparatevi perché dovrete salire molti gradini. In alcuni punti c’è una parte di strada normale utilizzata solitamente dagli abitanti per passare con mezzi quali motocicli o carriole motorizzate. Il paesaggio è stupendo, sarete avvolti completamente dalla natura: campi coltivati a terrazze, gli uliveti, il canto degli uccelli e degli animali da cortile e se avete fortuna spunteranno fuori anche gatti. In autunno poi la natura da il meglio di sé con mille sfumature di colore.

sentiero-camogli-san-rocco

foglie

gatto camogli

Ed eccoci arrivati a San Rocco, una piccola frazione del comune di Camogli. Da qui la vista sia sul Golfo Paradiso  che sulla vallata è assolutamente meravigliosa.

panorama da san rocco

campagna-camogli

panorama Golfo del Tigullio

Prima di procedere potete fare una breve sosta e riposarvi (ci sono alcuni ristoranti, bar e anche bagni pubblici). Da non perdere la visita alla chiesa Nostra Signora della Salute.

chiesa nostra signora della salute san rocco

Verso San Nicolò di Capodimonte la strada ora è tutta in discesa e per gran parte attraversa il bosco. Ogni tanto si aprono scorci stupendi sul mare sottostante. Una curiosità: lungo il tragitto c’è questa casa abbandonata, ovviamente non ho resistito e sono entrata. Purtroppo non ne conosco la storia, anzi se qualcuno la sa può dirmela? Sono curiosissima. Devo dire che fa un certo effetto così diroccata e con mobili ancora lì come in attesa di qualcosa.

casa abbandonataQuesta è la chiesa millenaria di San Nicolò di Capodimonte: mai avrei immaginato di trovarmi di fronte a tanta bellezza. Probabilmente edificato intorno al XII secolo dai monaci di San Rufo, fu messo all’asta nel 1864 e poi acquistato dal cav. Andrea Bozzo di Camogli.

san-nicolo-capodimonte

Poco prima di raggiungere Porto Pidocchio si arriva a questo gruppo di case “Il borgo del mulino”: già dal medioevo qui esisteva un mulino usato dalla popolazione per macinare il grano.  Ora qui c’è una trattoria.

borgo del mulino

Scendendo pochi metri ci ritroviamo a Punta Chiappa che vanta il primato del porto più piccolo del mondoPorto Pidocchio.  Da qui partono i battelli da e verso Camogli.

porto-pidocchio

paesaggio da punta chiappa

mare punta chiappa

Punta Chiappa è una lingua di roccia che fa parte del Parco di Portofino. Terra, roccia, acqua, e alberi. Qui tutti gli elementi della natura si incontrano e si ha impressione di far parte della storia della terra. Difficile da spiegare ma in questo punto la forza primordiale della natura ti entra dentro.

stella maris

Sulla pietra di Punta Chiappa si erge un altare con il mosaico della Stella Maris, cioè la Madonna protettrice dei pescatori e  dei naviganti. Pensate che qui ogni prima Domenica di Agosto viene celebrata la messa con tanto di processione  sin dal 1924.  Non solo via terra giungono i fedeli, ma anche via mare: le barche partono da Camogli e giungono sino alla punta mentre il parroco viene portato con il Dragun  che durante la messa benedice le barche.  In mare poi vengono messi dei lumini.


CONSIGLI GENERALI 

1. Indossate abbigliamento e calzature adeguate. Il tragitto è semplice ma pur sempre un sentiero, quindi soprattutto se decidete di partire in primavera o inizio autunno vestitevi a “cipolla”. Niente infradito, sandali e peggio tacchi (ho visto anche questo).
2. Se non siete abituati a fare percorsi del genere vi consiglio l’acquisto di semplici bastoncini da trekking.
3. Non dimenticate di portare con voi una bottiglietta d’acqua, in particolare d’estate.

QUANDO PARTIRE

  1. Anche se ogni giorno dell’anno è buono per visitare questi luoghi secondo me la primavera/inizio estate e l’autunno sono i periodi migliori.
  2. In estate se volete fare tutto il percorso a piedi vi consiglio di partire presto in modo da evitare le ore più calde. Oppure potete prendere autobus sino a San Rocco (prendendo coincidenza a Ruta) e proseguire fino a Punta Chiappa per ritornare  poi a Camogli in battello.

 

DOVE MANGIARE/DORMIRE
Premetto che le indicazioni che vi do sono solo a puro titolo informativo perché ho sempre mangiato al sacco.
A San Rocco poco prima del paese trovate un un bed&breakfast (BBQ Lodge) e diversi ristoranti come La Cucina di Nonna Nina. Famoso è il Panificio Maccarini: qui vendono la galletta del marinaio un tipico pane ligure (la prossima volta che vado devo farne scorta).
A Punta Chiappa ci sono 3 ristoranti ( Ristorante del Mulino da Drin, Ristorante da Spadin e Ittiturismo Castel Dragone) e 1 albergo ( Stella Maris).

COME ARRIVARE

  • In auto: autostrada A12 uscite a Recco e proseguite per Camogli. I parcheggi purtroppo sono un problema abbastanza serio in Liguria, pochi e molti a pagamento. A questo link trovate una cartina con le zone dove parcheggiare. (anche camper).
  • In treno: sicuramente è il mezzo migliore. Dovete fermarvi alla stazione Camogli-San Fruttuoso.
    Ora che siete a Camogli per raggiungere San Rocco potete seguire il sentiero a piedi oppure prendere la corriera che parte vicino alla stazione del treno e va a Ruta di Camogli (qui poi coincidenza per San Rocco).  San Rocco e Ruta di Camogli hanno invece una corriera che collega direttamente i due paesi.
    Ecco gli orari.
  • Per raggiungere Punta Chiappa invece potete anche prendere il traghetto che parte da Camogli e si ferma a Porto Pidocchio.  Alcune linee fanno anche il giro sino a Genova.
Author

Ciao sono Emanuela, vivo a Genova e sono innamorata alla follia della mia Liguria. Oltre a fotografare mi piace cucinare, passeggiare in mezzo alla natura e stalkerare gatti :)

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It